Parrocchia - Santuario Beata Vergine Addolorata
395
page-template-default,page,page-id-395,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.1,menu-animation-underline-bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Francescani dell’Immacolata

Dall’8 Dicembre 2001 il Santuario è affidato alla cura dei Frati Francescani dell’Immacolata, un ordine nato nel 1990.

La caratteristica essenziale di questo carisma francescano è la dimensione mariana sugellata da un nuovo voto, il voto mariano della totale consacrazione all’Immacolata.

La Confraternita del Santissimo Sacramento

La Confraternita del Santissimo Sacramento di Campocavallo si tramanda di generazione in generazione da più di cento anni.

Nei secoli passati, le Confraternite, avevano compiti molto importanti, ad esempio la cura di ospedali, la custodia delle chiese, seppellire i defunti, processioni etc.
In particolare si sono sempre impegnate a conservare quei riti e quelle tradizioni che aiutavano il popolo nell’esperienza cristiana e nel mantenere viva la fede.

Avevano statuti molto rigidi ed a volte erano anche una “potenza” economica. Recentemente hanno subito una forte decadenza e oggi si sta cercando di rivalutarne l’importanza.
La Confraternita qui presente, ha un suo abito caratteristico: bianco con mantellina e fascia rossa, un medaglione con lo stemma del Santissimo Sacramento, i candelieri e una grande croce portata in processione nelle grandi occasioni.
E’ presente a Campocavallo e non solo, per le feste più importanti e per l’adorazione Eucaristica delle “40 ore” all’inizio della quaresima.

La Confraternita è sempre aperta a nuovi membri, accoglie uomini di tutte le età!

Via Matris - tedofori e confraternita
La Confraternita e i Tedofori durante la Via Matris
I Tedofori

Gruppo costituito nel settembre 2003, per la maggior parte di giovani (età media 35 anni) che si impegnano ad animare la Festa del Santuario a settembre ed in altre particolari occasioni della frazione.
Sono caratterizzati da un abito lungo, rosso vivo e da una fascia azzurra.
Portano accese delle torce (da qui il nome tedofori) per abbellire la manifestazione che si sta animando.
Hanno una particolare devozione alla Madonna di Campocavallo; ognuno ne può far parte.
Si impegnano principalmente ad abbellire la parte esteriore ed organizzativa della festa, a promuovere l’attività folcloristica-festiva.
Hanno uno statuto privato da osservare.
Chiunque, se vuole, ne può far parte, previa consultazione dei membri stessi del Gruppo.

La Corale
Corale Beata Vergine Addolorata
LA CORALE

Nasce ufficialmente il 13 maggio 2007 in occasione della riapertura del Santuario dopo i lunghi lavori di ristrutturazione.

“Nessuno di noi è un professionista, ciascuno si impegna mettendo cuore e anima per dar voce alle preghiere dei fedeli attraverso la lingua degli angeli: il canto!

Il nostro repertorio è curato e molto attento alla liturgia, prediligiamo canti con melodie dolci e con testi appropriati. Spaziamo dai canti della tradizione al gregoriano, da canti antichi fino a composizioni contemporanee, quelle di mons. Marco Frisina in particolare.”

La corale anima la Santa Messa delle 11 tutte le domeniche e si riunisce per le prove una volta a settimana, di solito il mercoledì sera, dall’ultima settimana di settembre fino a metà giugno.

Il coro è sempre aperto a nuovi membri! Unico requisito necessario? Un po’ d’intonazione, il resto vien da sé!

LA SANTA MESSA IN RITO ANTICO

 

Nel Santuario di Campocavallo  dal gennaio 2008 viene celebrata ogni domenica e feste di precetto, alle ore 16, una Santa Messa nell’antico rito della Chiesa in canto gregoriano e in lingua latina.

Questa celebrazione , nata dopo la pubblicazione del Motu Proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI , costituisce certamente un arricchimento spirituale, caratterizzando il pomeriggio festivo di tanti fedeli, per lo più giovani, che raggiungono il Santuario da diverse località assieme alle loro famiglie.

Il Santuario di Campocavallo è divenuto ormai un punto di riferimento nazionale per la liturgia antica, la musica  e l’arte sacra.

 

Per saperne di più, un’intervista di Fabrizio Cannone a Mons. Nicola Bux, importante teologo e liturgista italiano.

S.Messa in rito Antico
S.Messa in rito Antico